immagine bg interna

Von einer Arthrose in Hüfte oder auch Hüftgelenksarthrose spricht man, wenn das Hüftgelenk durch Abnutzung geschädigt oder zerstört ist.

Sie ist die häufigste Arthrose Form beim Menschen überhaupt. Neben diesem „normalen Hüftgelenksverschleiß“ ohne erkennbaren Auslöser gibt es verschiedenen Ursachen, die zu einer frühzeitigen Arthrose in Hüfte führen wie z.B. Übergewicht, Vorverletzungen, Vorerkrankungen oder eben altersbedingter Verschleiß. Entstehung einer Arthrose in Hüfte Meistens liegt ein Verschleiß oder ein Knorpelschaden anfangs zu Grunde und pastiglie per dimagrire. Im Laufe der Zeit kommt es dann an den Stellen wo die größte Druckbelastung auftritt, zu einer Freilegung der Knochenfläche. Die Knorpelschicht wird im Laufe der Zeit abgerieben und von Mal zu Mal dünner.

Sobald der Knochen an einer Stelle freigelegt ist, versucht er dem Schaden mit einer Verdichtung entgegenzutreten. Dadurch wird es aber noch schlimmer, das Gelenk verformt sich. Einmal beschädigt verbreitert sich die beschädigte Stelle schneller. Es kommt immer mehr zu Gelenkschmerzen, zu einer Einschränkung der Beweglichkeit. Das Gelenk wird steifer pastiglie per dimagrire.

Sono 31 i Comuni aderenti al Local Energy Board delle Marche (Comunicato Stampa del 16-03-2017)

SVIM, Regione e i Comuni del Local Energy Board delle Marche si sono incontrati il 14 marzo ad Ancona per discutere quali siano le principali sfide degli enti locali nel perseguire gli obiettivi di sostenibilità energetica.

Lanciato lo scorso febbraio durante una conferenza stampa partecipata dagli Assessori regionali competenti, il Local Energy Board (LEB) delle Marche ha avviato  ufficialmente le proprie attività come tavolo territoriale per la promozione della sostenibilità energetica. Martedì 14 marzo 2017 SVIM, Regione Marche e un’ampia rappresentanza dei Comuni membri del LEB si sono incontrati in riunione plenaria per valutare insieme le principali problematiche che il territorio delle Marche deve affrontare per rispondere in maniera efficace agli obiettivi europei per l'energia e il clima.

I lavori sono stati introdotti dall’Amministratore Unico di Sviluppo Marche, Gianluca Carrabs, il quale ha salutato con soddisfazione l’avvio della positiva sinergia tra SVIM, Comuni e Regione Marche sulle sfide della sostenibilità. Ha inoltre ribadito il costante impegno di SVIM nell’attuazione delle politiche e piani regionali per l’energia, attraverso l’utilizzo dello strumento della progettazione europea, confermando un sempre maggior sostegno agli Enti locali nel percorso di adesione all’Iniziativa Europea del Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia.

Presente anche Luigino Peloni, dirigente della struttura Fonti Energetiche della Regione Marche, e il suo funzionario Katiuscia Grassi che ha seguito il processo di aggiornamento del PEAR ed ha sottolineato l’importanza del processo di consultazione avviato dal Local Energy Board, auspicandone un ruolo di strumento di consultazione nell’ambito dello stesso PEAR ed in particolare del futuro Comitato di Coordinamento per la sua attuazione.

Durante l’incontro sono stati presentati i primi risultati raccolti attraverso i questionari per la valutazione del fabbisogno di competenze dei Comuni nella pianificazione energetica. Si tratta di un’indagine mirata ad individuare punti di forza e debolezza che caratterizzano strutture e staff degli Enti locali rispetto alle tematiche legate all’energia. In base alle informazioni raccolte verrà sviluppato uno specifico programma di capacity building per gli Enti marchigiani.

Inizialmente costituito dai Comuni già impegnati nell’iniziativa del Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia - Ancona, Appignano, Ascoli Piceno, Fabriano, Fermo, Jesi, Macerata, Monte Giberto, Offida, Pesaro, Pollenza, San Benedetto del Tronto, San Paolo di Jesi, Santa Maria Nuova, Senigallia e Urbino - il Local Energy Board delle Marche conta ora ulteriori membri che  hanno risposto alla manifestazione di  interesse lanciata da SVIM. Si tratta dei Comuni di Altidona, Campofilone, Fano e San Severino Marche, che grazie al progetto EMPOWERING saranno accompagnati nello sviluppo dei loro Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima. Inoltre, i Comuni di Castelbellino, Castelplanio, Cupramontana, Maiolati Spontini, Mergo, Montecarotto, Monte Roberto, Poggio San Marcello, Rosora, Serra San Quirico, Staffolo che grazie al supporto di CIS Srl (Consorzio Intercomunale Servizi), avvieranno la sperimentazione di un Piano congiunto per l’intera area ( joint secap ).

Ancona, 16 marzo 2017

In allegato il comunicato stampa completo dell’evento.

 

DSCN13443002   DSCN13448002